Come organizzarsi in caso di penuria di energia

Possibili black out o penuria di energia

Si parla molto in questo periodo di crisi energetica, di possibili black out o penuria di energia.

Ma cosa può fare ognuno di noi per ovviare a questi problemi? e come organizzarsi in caso di penuria di energia?

Innanzitutto non si deve confondere una penuria di energia elettrica con un’interruzione della corrente, o blackout.

I blackout infatti sono interruzioni imprevedibili di energia elettrica  che vanno da alcuni minuti, fino a molte ore o perfino giorni e si verificano di solito in caso di danni all’azienda di distribuzione, a causa di sovraccarico della rete o per dei possibili guasti.

Invece la penuria di corrente deriva da interruzioni di corrente pilotate, coordinate dall’industria elettrica, per fronteggiare la mancanza di energia.

In caso di carenza di elettricità il Paese lancerebbe un appello a ridurre il consumo di energia elettrica in casa come al lavoro o nel tempo libero, in modo da prevenire o ritardare le possibili misure di interruzione di corrente.

Come ridurre energia

Ecco come ridurre energia:

Utilizzare le scale se possibile ed evitare scale mobili e ascensore, staccare la spina ad apparecchi elettrici che non vengono utilizzati, o spegnerli del tutto durante la notte.

Si consiglia di riscaldare gli ambienti fino al massimo a 20°C in inverno e raffrescare al massimo a 28°C in estate.

Evitate di utilizzare le stufette elettriche in inverno e i condizionatori d’aria in estate, e in inverno arieggiare in modo ottimale aprendo insieme più finestre possibili, evitare l’illuminazione superflua.

Cercare di usare meno acqua calda e usare temperature basse per fare il bucato, non usare l’asciugatrice, stirare meno possibile, alzare leggermente la temperatura del frigorifero e congelatore.

Evitare per quanto possibile di giocare con console e video streaming, evitare di utilizzare elementi collegati alla rete elettrica come sauna, bagno turco, idromassaggio e così via.

Scorte di emergenza

Per quanto riguarda le scorte di emergenza, converrebbe avere sempre a disposizione delle bottiglie di acqua di scorta, come pure alimenti non deperibili e a lunga durata.

Utile anche una pila a batterie, delle batterie di scorta, candele, ricordarsi di fare il pieno alla macchina per ogni evenienza.

Ricordarsi anche che anche i bancomat e i mezzi di pagamento come carte di credito e debito funzionano a corrente elettrica,  e anche le centrali telefoniche, quindi meglio organizzarsi anche per questa evenienza.

Inoltre sarebbe utile avere una fonte di riscaldamento alternativa in caso si blocchi la corrente e si fermi anche il riscaldamento tradizionale, che è collegato alla caldaia con accensione elettrica.

 

Lascia un commento