Come fare un impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico fai da te

L’impianto fotovoltaico non è altro che un impianto a pannelli solari da mettere nella propria abitazione per potere generare energia.

Vi sono quelli ad isola, ovvero che non sono allacciati alla rete esterna di distribuzione elettrica, e quelli “connessi in rete” o grid-connected, collegati ad una rete elettrica di distribuzione gestita da terzi e anche all’impianto elettrico privato a cui dare energia.

E’ essenzialmente formato dall’assemblaggio di diversi moduli fotovoltaici, i quali assorbono l’energia solare e producono energia elettrica.

Questo tramite degli strumenti specifici come cavi, inverter, e sistemi meccanici.

Per realizzare un impianto fotovoltaico fai da te si deve tenere conto dei seguenti parametri:

l’energia in kilowattora, il calcolo della potenza presente nell’impianto, la capacità della sua batteria, il regolatore di carica, l’inverter dimensionato alla tensione continua e alal potenza alternata, la sezione dei cavi elettrici, il rapporto tra rendimento del pannello e la superficie disponibile dove metterlo.

Se avete delle conoscenze in materia potete farlo, altrimenti è meglio rivolgersi a tecnici specializzati del settore.

Impianto fotovoltaico con accumulo

Vi sono due tipologie di impianto fotovoltaico, con accumulo e senza accumulo.

L’impianto fotovoltaico con accumulo può portare un risparmio sull’energia che arriva fino al 75-80%.

Bisogna dotarsi però di pannelli performanti che possano durare più di 30 anni e affidabili sistemi di accumulo, meglio se con batterie al litio ferro fosfato, che durino più di 20 anni.

In questo modo si può sfruttare il doppio vantaggio del fotovoltaico con accumulo, ovvero risparmiare sulla bolletta almeno il doppio che con un impianto solare fotovoltaico semplice.

Impianto fotovoltaico senza immissione in rete

Per realizzare un impianto fotovoltaico senza immissione in rete, avvalendosi di esperti del settore la cosa è più facile a farsi.

In ogni caso i piccoli impianti domestici con pannelli amovibili non necessitano di autorizzazioni, mentre i pannelli che si fissano sul tetto avranno bisogno di una richiesta presso l’Ufficio Tecnico del proprio Comune.

Questo tipo di impianto senza immissione in rete è detto anche “ad isola” o “stand-alone” ovvero che non è collegato a una rete di distribuzione, e sfrutta sul posto l’energia elettrica prodotta e accumulata.

Come fare un impianto fotovoltaico a costo zero

Se quello che ti preoccupa è il costo dell’impianto fotovoltaico, la tua domanda sarà come fare un impianto fotovoltaico a costo zero.

Innanzitutto, ci sono sempre dei costi iniziali, ma questi costi verranno ammortizzati nel tempo, permettendoti così di recuperarli e di avere un impianto a costo zero.

Ad esempio se si mette l’impianto standard da 3 kw sul tetto di casa per un’abitazione unifamiliare, la sua installazione avrà un costo ma questo viene ammortizzato nel tempo e genera un risparmio negli anni successivi.

Ecco perchè si parla non di costi ma di investimento.

 

 

 

Lascia un commento