Il fiore del giglio

Coltivazione del giglio

Il giglio è una pianta erbacea appartenente alle bulbose, infatti si piantano in primavera i bulbi nel terreno, verso marzo-aprile.
Devono avere una posizione soleggiata e un terreno fertile e ben concimato.

Per una giusta coltivazione del giglio i bulbi vanno messi a circa 10cm di distanza uno dall’altro, se le piante sono di grandi dimensioni anche 15cm.

Se si vive in un luogo freddo, in settembre, una volta finita la fioritura, conviene togliere i bulbi dal terreno, pulirli e conservarli per la primavera successiva in luogo buio e fresco.

Durante la primavera e l’autunno e il giglio vi donerà il suo fiore, dall’aspetto molto elegante e delicato.

I gigli più noti sono quelli bianchi, i gigli tigrati, colore arancione e striati di rossiccio sono tra le specie più adattabili. Vi sono però moltissime selezioni di gigli di vari colori, dai petali uniformi o di colore sfumati, con puntini o striature.

Lo stelo va dagli ottanta cm ai due metri, il fiore è grande, con i petali forti e carnosi.

Si deve dare un concime a lenta cessione durante il mese di luglio.

I gigli richiedono delle annaffiature moderate ma regolari, in modo che ci sia sempre dell’umidità radicale. si deve interrompere l’irrigazione dopo il periodo vegetativo.

Piante da giardino

Il fiore del giglio è perfetto tra le piante da giardino, tuttavia è un fiore che si adatta bene ad essere coltivato anche in vaso.

L’importante è metterlo in posizione semi soleggiata, e fare una dosatura controllata delle sue annaffiature. Il giglio è coltivato di solito per uso ornamentale, perchè è molto bello da vedere nei giardini o nei terrazzi in primavera.

Significato del fiore del giglio

Le caratteristiche associate al fiore del giglio sono purezza, candore e verginità.

Del giglio ci sono anche tanti significati legati alla storia e alle leggende nate attorno a questo fiore.

Il fiore ha uno stelo alto e dritto. Per questo è stato designato come fiore simbolo della fierezza, nobiltà d’animo, che spesso un tempo combaciava anche con la nobiltà del proprio casato.

Il giglio è quindi anche simbolo di nobiltà e alto lignaggio.

Lascia un commento