Come fare un trasloco intelligente

Lista di cose da fare per il trasloco

Per fare un trasloco intelligente la parola d’ordine è organizzazione.

Quindi dobbiamo preparare tutto per tempo, stilare una lista di cose da fare per il trasloco, e organizzarlo nei dettagli.
Questo è il modo migliore per imparare a come fare un trasloco intelligente.

Infatti pianificando passo dopo passo le cose da fare ed eseguirle è il modo migliore per arrivare al momento del trasloco con calma e serenità.
Per prima cosa dobbiamo partire due mesi prima a comunicare l’eventuale cambio di utenze, e contattare le ditte di traslochi per avere dei preventivi per poi sceglierne una.

Inoltre può essere utile creare un calendario con le varie fasi dell’imballaggio delle scatole, e suddividerle in oggetti non indispensabili e oggetti con alta priorità, oltre che scrivere il nome della stanza in cui andranno, in modo che una volta nella nuova casa possiamo sapere quali scatole aprire per prime e dove.

Come fare un trasloco da soli

Molta gente decide di non chiamare una ditta di trasloco ma di fare da sè.
Ecco che però bisogna capire come fare un trasloco da soli, e quali strategie adottare per non incappare in inconvenienti.
Innanzitutto si deve vedere se saremo in grado di spostare da soli i nostri mobili.
Spesso ad esempio gli armadi hanno una struttura molto grande e nella nostra auto non ci sta di sicuro, in questo caso possiamo noleggiare un furgoncino, per uno o due giorni, per facilitare lo spostamento di ante e mobilio di una certa dimensione.

Per quel che riguarda le scatole, possiamo procurarcele presso supermercati o negozi, infatti quando arriva la merce gli scatoloni che vengono svuotati saranno poi gettati, quindi basta chiedere e solitamente le regalano.

Se non riuscite a fare tutto da soli, potete sempre affidarvi ad una ditta di traslochi, ma se volete risparmiare potere magari affidarle solo il compito di traslocare i mobili, e fare da se le operazioni più semplici.

Cosa eliminare per un trasloco

Il trasloco è un’ottima occasione per eliminare tutte quelle cose e oggetti che abbiamo da una vita e che non usiamo mai.
Quindi svuotare armadi e magazzini ha anche un potere terapeutico, per tornare all’essenzialità e tenere solo quello che veramente ci serve, liberandosi del superfluo.

Dobbiamo quindi vedere cosa eliminare per un trasloco e cosa tenere.
Man mano che tiriamo fuori i vestiti dall’armadio ad esempio, possiamo tenere solo quelli che nell’ultimo anno abbiamo utilizzato, mentre quelli che restano inutilizzati possiamo donarli a qualche associazione di beneficenza, in questo modo potranno ancora essere utili a qualcuno e noi li daremo più volentieri sapendo di avere fatto una buona azione.

Come organizzare un trasloco senza stress

Tutti sappiamo che fare un trasloco è un’esperienza stressante, tanto più se non ci siamo organizzati nel modo giusto.
Ecco che allora si deve imparare a come organizzare un trasloco senza stress.
Per prima cosa non facciamoci prendere dal panico e dall’ansia di dover gestire mille cose.
Dobbiamo iniziare per tempo a pianificare le varie fasi del trasloco, quindi telefonate ai gestori delle varie utenze, per programmare le disdette dei contratti entro una data stabilita.
In conseguenza di ciò verificare di potere effettuare senza problemi i nuovi allacciamenti a vostro nome, magari concordando per un subentro col precedente inquilino.
Poi potere chiamare le ditte di traslochi e chiedere preventivi per scegliere quello migliore per voi.

Premunirsi poi per temo anche di tante scatole e scatoloni di media grandezza, più facilmente trasportabili, e iniziare a svuotare stanza per stanza, iniziando da quelle meno usate, come il ripostiglio oppure la cantina,l’ingresso, la sala da pranzo,le camere e per ultima la cucina. Su ogni scatola andrà indicato il contenuto, in quale stanza metterlo e la priorità, magari classificandoli con delle lettere o numeri in ordine crescente.

Una settimana prima o appena avete le chiavi dovete pulire a fondo la nuova casa e gli arredi.
Un giorno prima avvistate il nuovo condominio tramite un cartello al portone, e fare il cambio di residenza all’anagrafe.
Lo stesso giorno posizionate le scatole ognuna nella sua stanza lasciando davanti quelle da svuotare con urgenza.
In questo modo avrete poi tempo per svuotare con calma anche tutte le altre nelle settimane seguenti senza stress.

Lascia un commento