La situazione delle case e i Millenials

Chi sono i Millennial? Con questo termine si usa indicare quei giovani nati tra fine anni ’80 e primi anni 2000, ovvero la generazione del nuovo millennio, detta anche generazione Y, la generazione tecnologica ma che è anche quella che ha dovuto fare i conti in prima persona con la crisi economica e i suoi effetti.
Questi giovani non possono più contare su un posto fisso e sicuro come i loro genitori, e sono anche i primi a fare i conti con una grave disoccupazione. Per fortuna ci sono anche delle agevolazioni prima casa per i giovani da potere detrarre dalla dichiarazione dei redditi.

I millenials sono quelli che restano più a lungo a casa con mamma e papà ma non perchè non si vogliono emancipare, solo per una questione economica. I giovani oggigiorno quando acquistano casa hanno tantissime spese da affrontare, si sa, e spesso oggi queste gravano ancor di più sul bilancio famigliare per il fatto che magari non hanno un lavoro fisso o che uno di loro potrebbe essere disoccupato, o ancora che il lavoro che hanno non viene retribuito molto.
Infatti i giovani oggi più di ieri devono fare i conti con la crisi emergente e spesso vengono aiutati economicamente a metter su casa dai genitori.

Per questo è nato con la finanziaria 2016 il bonus mobili per le giovani coppie 2017, ovvero delle agevolazioni prima casa per i giovani che nel 2016 figuravano coniugati o conviventi da almeno 3 anni e di cui uno con età inferiore ai 35 anni.
Qusto bonus da diritto a chi ha acquistato la casa nel 2015 o 2016 a una detrazione dalla dichiarazione dei redditi di quest’anno di un importo fino a 16.000 euro distribuito in 10 rate annuali.

E’ anche vero che però spesso essi cercano anche oggi rispetto ai giovani del passato delle case in affitto piuttosto che di proprietà sopratutto per mancanza di soldi o di un lavoro stabie e quindi di possibilità di aprire un mutuo, e si danno anche alla ristrutturazione fai da te perchè più economica rispetto all’acquistare un’abitazione nuova.

In Italia ci sono 11 milioni di giovani Millenials, e devono fare i conti con un tasso di disoccupazione giovanile medio del 37,6%.

Sono consapevoli dell’importanza di potersi emancipare presto, ma in questo la società odierna non li agevola per niente a cominciare dal mercato delle case in affitto.

Infatti da uno studio fatto sembra che il 67% del patrimonio immobiliare in Italia sia composto da appartamenti grandi, ovvero con quattro stanze o più, e questi appartamenti sono inadeguati alle esigenze della Generazione Y, che è però proprio quella che cerca maggiori case in affitto.

I millennials quindi sarebbero il target ideale per gli affitti, e quindi oggi i proprietari di abitazioni in affitto e i professionisti del settore immobiliare dovrebbero adeguarsi a tale situazione, agevolando i millennials soprattutto nelle grandi città e cogliere questa sfida positiva anche per i mercato immobiliare.

Quindi puntare su appartamenti più piccoli e adatti ai giovani o creare delle agevolazioni come le agevolazioni prima casa per i giovani che si avvicinano all’indipendenza abitativa per la prima volta.

Leave a Reply