Obbligo di installare le termovalvole

Per chi ancora non lo sapesse dal 1° luglio 2017 c’è l’obbligo, per tutti quei condomini e edifici che hanno un impianto di riscaldamento centralizzato, di inserirvi dei sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione del calore, ovvero di termo valvole.
Fra poco iniziano i controlli e chi non si è adeguato può anche essere passibile di multa che va da 500 a 2500 euro per unità immobiliare.

Richiesta una proroga

Il Movimento Difesa del Cittadino ha chiesto una proroga dell’obbligo dato che questo provvedimento sta causando confusione in molti condomini. “L’autunno è alle porte e molti edifici non si sono ancora adeguati ai nuovi obblighi soprattutto a causa della confusione sulla norma – dice Francesco Luongo, Presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino”.

I nuovi sistemi di termoregolazione e contabilizzazione dal 1 luglio di quest’anno devono essere installati in tutti i condomini e edifici polifunzionali ad impianto centralizzato, sia con funzionamento a colonne montanti che ad anello, o di teleriscaldamento,o chi è passato da radiatori a riscaldamento a pavimento . Da tale obbligo rimane escluso solo chi ha riscaldamento autonomo.

Come funzionano le termovalvole

Il funzionamento delle termovalvole è semplice, in base al livello impostato (da 0 a 5) e tramite dei sensori, aumentano, o diminuiscono, l’afflusso di acqua calda nel radiatore, regolando la temperatura ed evitando inutili sprechi e dispersione di calore. Possono anche distribuire il calore in modo più omogeneo sopratutto in condomini multipiano dove spesso, ai piani più alti il calore arriva più tardi nel caso di riscaldamento centralizzato.

Come costi, gli impianti più vecchi richiedono degli interventi sulla caldaia, quelli più moderni, invece devono solamente cambiare i termosifoni con un costo di ca 120 euro per termosifone.
Tali costi poi si possono detrarre nella dichiarazione dei redditi come interventi finalizzati al risparmio energetico, con delle detrazioni fiscali del 65% se l’intervento comprenda un cambio di caldaia e del 50% solo per l’ inserimento dei nuovi caloriferi con termovalvole. Inoltre si ha un notevole risparmio con le termovalvole, in media il 20% del totale della spesa del consumo di gas, che significa ca 150 euro a nucleo familiare.

Sanzioni per chi non si adegua e esenzioni

Per chi non si adegua sono previste delle sanzioni che vanno da 500 a 2500 euro, in base a regione, e poi c’è l’obbligo di mettersi in regola.
Se esiste in un edificio una impossibilità tecnica per l’installazione di sottocontatori o se in termini di costi ci sarebbe una sproporzione tra costi di installazione e risparmi energetici potenziali oppure un impedimento nell’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore in ciascun corpo scaldante non c’è l’obbligo di installazione, ma l’ impossibilità deve essere documentata con una apposita relazione tecnica di un tecnico abilitato con riferimento alla norma UNI EN 15459.

Leave a Reply